Babbo Natale ha gli occhi a mandorla?

Babbo Natale

Questo é il mio terzo periodo prenatalizio trascorso qui in Cina e anche quest’anno non ho avuto il piacere di assaporare lo spirito jinglebelliano. Circondato da un’aridità ciclopica, dovuta al fatto che qui il Natale non é una festa, gli unici appigli sono i panettoni nei supermercati alla modica cifra di 20 euro e le lucine intermittenti presenti un po’ovunque (ma queste ci sono anche a Ferragosto). Dunque tutto lascia presagire che in quel di Suzhou l’arrivo delle renne (o la venuta del Bambin Gesú, a voi la scelta) sia da considerare un miraggio piuttosto lontano (anche se, da quello che intuisco dalle notizie sui giornali, quest’anno le renne staranno lontane anche dal nostro Paese per evitare di patire la fame!). Ho provato allora ad immaginarmi in preda alla mistica caccia ai regali: il mio gusto mi porterebbe ad entrare in un negozio musicale per scegliere qualche cd. Oppure, l’alternativa, in linea con i tempi magri, sarebbe quella di preparare da me una compilation, con le canzoni che meglio mi rappresentano in questo periodo. Ed é quello che ho deciso di fare qui sotto. Sono tutte canzoni in versione live, perché sono un amante delle esibizioni dal vivo: preferisco l’imperfezione del respiro al riverbero costruito elettronicamente al computer. In questa lista, di natalizio trovate poco, ma se avete un po’di tempo sono sicuro che qualcuno di voi, come é successo a me, trarrà sollievo ed energia dall’ascolto. Cosí che possiate prepararvi al Natale incombente con animo piú sereno. Cliccate sul titolo della canzone e buona visione ed ascolto.

Fiume Sand Creek – Fabrizio de André – Live in Roma 1998
Ants Marching – Dave Matthews Band – Live at Central Park 2003
Prendere o lasciare(*) L’isola che non c’è – Alex Britti – MTV Unplugged 2008
I want to break free – Queen – Live at Wembley 1986
Sulla mia strada – Luciano Ligabue – Sette Notti in Arena 2008
Englishman in New York – Sting – Live in Berlin 2010
Freedom ’90 – George Michael – MTV Unplugged 1996
White Christmas – Michael Bolton – 1992

(*) edit 2015: video cancellato
Annunci

13 thoughts on “Babbo Natale ha gli occhi a mandorla?

  1. PENSIERI E SENSAZIONI……
    Alex B: …tendenzialmente triste…..
    Liga: ….ricordi….
    Fabrizio de A.:….un pezzo di te…..
    Dave M.: …voglia di ballare……..
    Queen: ……energia……
    Sting: …leggerezza…..
    George M.: …anni fa,uno dei più bei periodi…
    Michael B.: ..Natale sì,.ma quello vero….
    GRAZIE PER QUESTO REGALO!
    BUON NATALE STE!

    Mi piace

  2. Bella scaletta (a me non piace solo Michael Bolton). Mi fa piacere sapere che c'e' qualcuno che si ricorda anche di Alex Britti. E' un vero peccato che ci abbia lasciati cosi' giovane!

    Buon Natale e buon ritorno

    Mi piace

  3. @Anonimo, grazie per la tua proposta, qualità notevole visti i protagonisti…e poi il violino secondo me é sempre un tocco di grande stile. @Angela: é interessante notare come le canzoni possano richiamare sensazioni diverse. Per esempio, la canzone di Sting rappresenta un po’i miei ultimi 3 anni, “sono un alieno, un alieno legale”, ma pur sempre un laowai, termine da cui ha preso inizio questo blog. La canzone di Alex Britti per me é esattamente il contrario, in quanto do sempre molta piú importanza alla musica e non alle parole (lo dico onestamente, non avevo fatto caso al testo prima!) e con quella chitarra esprime furore, invece che tristezza! Per gli altri… ci hai preso abbastanza, chissà come hai fatto… Su George Michael, invece, un mio sogno, perché mi piacerebbe cantare in un coro gospel… Chissà che da questo post non si ricavi un cd con molte piú canzoni, con altri gusti e generi musicali!

    Mi piace

  4. Tendenzialmente neanche a me piace Michael Bolton, ma cercavo una voce calda per White Christmas… Pie', conosco qualcosa dei tuoi gusti musicali, mi aspetto la tua scaletta, ora!!
    Povero Britti, saràin qualche cantina a fare jazz (beato lui…)

    Mi piace

  5. Caro Lao Wai
    ho qualche canzone in scaletta, il problema e' che c'entrano poco con il Natale, pero' mi “suonano dentro” in questo periodo natalizio.

    1-Io sono vivo (Pooh)
    2-Dolce Nera (De Andre')
    3-Stranamore (Vecchioni)
    4-Amor mio (Mina)
    5-Sognami (Antonacci)
    6-Owner of a lonely heart (Yes)
    7-Quann chiove (Daniele)
    8-Tango negro (Caceres)

    diciamo che andiamo sul soft. Auguri a te e ai tuoi lettori. Britti e' un grande chitarrista, quando non suona per se stesso.

    Mi piace

  6. (….Sarà come sarà ma Britti rimane sempre un gran bel tipo!!;-)))….)
    Se dovessi completare il cd all'elenco mancano:
    U2: Beautiful day
    Adele: Set fire to the rain
    Zucchero: Indaco dagli occhi del Cielo
    Jovannotti: La Pace
    Springsteen: The River
    Ancora una del Liga: Quando canterai la tua canzone
    e poi…scusa ma il MIO Ramazzotti: com'è che non lo vedo????;-)))))…ovviamente lì la scelta sai che si fa difficile quindi due e direi…: Cose della Vita e Fuoco nel fuoco!
    Di tutti questi ce ne sarebbero cmq infinite…!!!

    Mi piace

  7. @piepalmi: il problema dei virtuosisti é quello, suonano per se stessi. O meglio, suonano per mettere in evidenza la loro abilità e perché é l’unica cosa che interessa loro. C’é chi contestava a Britti di essersi abbassato a suonare e cantare “La vasca”, c’é che gli contestava di essere un montato quando suonava dal vivo. Io onestamente ritengo alcune sue canzoni orecchiabili e mi piace molto ascoltarlo quando si esibisce in virtuosismi. Per quello che riguarda la tua lista, 1000 punti per Pino Daniele (quello vero, quello che cantava in napoletano, valorizzandone la sonorità con la sua chitarra magnifica) e molto valida anche Mina (che tenero, sembri ancora in luna di miele!! ). Dolcenera era in ballottaggio con Khorakhané per una potenziale scelta (adoro Anime Salve), ma in questo momento Fiume Sand Creek mi dava qualcosa di piú.
    @angela: oggi ho dato la prova che qui c’é assoluta libertà di espressione, in quanto ho accettato persino Ramazzotti! Ottima la scelta di Zucchero.
    Il cd prende sempre piú forma…

    Mi piace

  8. E se a questo cd oltre che ai suoni si aggiungessero immagini? Virtuali però!
    Ho riletto il post e i commenti e mi sono detta che i suoni senza le immagini perdono po’……perché ci frullano certe canzoni in questo periodo? Perché altre ci fanno venire in mente il Natale? È questione di associazione……..suono/immagine. Un po’ come i bambini che non ascolterebbero mai un cartone animato senza guardarlo o quando ti dicono che una storia è più bella se la si può ascoltare guardando le figure sul libro.
    Ecco quindi che all’elenco per il cd una canzone che manca è: “Silenzio” di Martina Pirovano che nessuno credo conosca ma è una piccola cantante dell’ultimo Zecchino d’Oro. Ascoltatela http://midi-karaoke-video.blogspot.com/2011/11/martina-pirovano.html
    QUESTO E’ IL MIO NATALE. Un Natale dove ci si ferma, si sta zitti, si guarda e si ascolta: e chi lo ha detto che la cosa sia noiosa? Avete mai provato a fermarvi per strada e ascoltare?fatelo e vi meraviglierete!
    “Silenzio! E nella tranquillità Sentire, capire più facile riuscirà.”
    C’è troppo baccano a partire dalla politica, all’economia e a volte anche in famiglia, tra le amicizie.
    Si ascolta ma non si sente, tutto è ovattato dal rumore….vorrei quindi che ognuno per i propri “ruoli” riuscisse a prendere questo gomitolo di lana aggrovigliato e trovare il bandolo. Di cosa? Di tante cose: di amicizie sincere, di famiglie serene, di una politica vincente, di una economia sana.
    Per quello che più strettamente mi riguarda è: riuscire ad essere più presente nella vita chi mi sta vicino, mi rendo conto che il non aver mai tempo mi porta via tanti momenti che non torneranno.
    Le canzoni che ho elencato racchiudono un po’ tutto questo a partire dal fatto che serve un giorno bellissimo, speciale, per arrivare a dire che per farlo occorrerebbe dar fuoco alla pioggia: sarà possibile? Sssstttt!

    Mi piace

  9. Hai ragione Angela, allora aggiungo due immagini. Si discuteva proprio qualche giorno fa con un nostro collega australiano: per lui il Natale é spiaggia, 35 gradi, barbecue con gli amici; per noi neve, caminetto, sci (per chi sa sciare), ambiente familiare. L’immagine dell’emisfero boreale secondo me riflette quella necessità di silenzio di cui parli tu. Quell’atmosfera ovattata di cui avremmo tutti bisogno non si puó certo trovare in una spiaggia, facendo surf! Certo, sono tradizioni diverse, ma io preferisco le nostre…

    Mi piace

  10. Ciao Marco, intanto benvenuto nel blog, spero che tu possa essere un frequentatore assiduo. Onestamente trovare una canzone natalizia qui e'veramente arduo, perche' per loro Natale non rappresenta nulla. In ogni caso mi informo e se trovo qualcosa, lo cerchero'su YouTube!

    Mi piace

Metti qui il tuo puntino

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...