Tieni il tempo

Ho un netto e limpidissimo ricordo di quella mattina del 25 novembre 1991, in piedi sul 14 che come tutti i giorni mi conduceva a scuola, in cui il mio amico Ivano mi disse “ehi, hai sentito che ieri é morto Freddie Mercury?”. Sono trascorsi esattamente vent’anni. Avevo appena iniziato il Ginnasio, con la classica spocchia adolescenziale di chi crede di essere ormai adulto. Le fotografie di allora erano ancora stampate su carta lucida, la rivoluzione digitale era appena agli inizi, si ascoltava con malinconia “Cosa resterà di questi anni Ottanta” di Raf, consapevoli che una stagione era finita, ma nello stesso tempo eccitati dal fatto di essere i protagonisti degli anni Novanta. Salvo poi arrivare al 2000 e qui l’eccitazione di cui prima cresceva, perché chiudevamo, noi uomini del futuro, le porte del Ventesimo Secolo per tuffarci in quello successivo, che, secondo i libri di Fantascienza, ci avrebbe portato in dono auto volanti,  comunicazione e spostamenti telepatici, il computer al servizio dell’uomo.
Tutto scorre, diceva Eraclito: mi ritrovo oggi a pensare che ho trascorso due anni e mezzo qui in Cina e nel giro di quattro mesi anche questa ennesima esperienza terminerà. Ma veramente il tempo é trascorso cosí rapido? O é solo un’illusione? Il tempo per me sembra fermo al 6 giugno 2009, quando mi imbarcai per la prima volta sull’aereo con destinazione Shanghai. Guardo i miei cari amici Laowai e mi sembra che in loro nulla sia cambiato, guardo i miei colleghi cinesi e mi sembrano sempre loro, uguali a prima. I tanti grattacieli in costruzione sembrano costantemente fermi allo stesso punto, poi, come per magia, li scopro abitati. Ogni volta che torno per un breve periodo in Italia, questo stato di anestesia permanente svanisce in un attimo, perché il mio sguardo cade su persone e cose che non rientrano piú nella mia quotidianità, come se quest’ultima, vissuta in Cina, sia collocata in una dimensione spazio-temporale parallela.
Mi sto convincendo del fatto che il tempo sia scandito dai nostri sensi:  ció che udiamo, tocchiamo o osserviamo genera in noi la percezione dello scorrere, perché ora sto udendo, toccando o vedendo qualcosa che prima era al di fuori della mia sfera sensoriale. Oppure sto testando sulla mia pelle la teoria della relatività di Einstein, per cui i campi gravitazionali (che ovviamente dipendono dalla posizione) sono capaci di rallentare il tempo (non me ne voglia il buon Albert di questa definizione cosí banale, ma non posso permettermi un trattato!). Spesso le persone piú anziane esprimono il desiderio di fermare il tempo. Io invece credo che dobbiamo imparare a muoverci alla sua stessa velocità, perché il tempo non si puó dominare, ma solo assecondare: infatti “il tempo, lo sai, vola, e lo stesso fiore che sboccia oggi, domani appassirà” (Orazio, Odi).

Magritte
René François Magritte, La durée poignardée (1938)
Advertisements

2 thoughts on “Tieni il tempo

  1. Ciao Laowai
    da un po' di tempo mi accorgo anche io di come il tempo abbia le caratteristiche della qualita' oltre che della quantita'.
    Per anni ho sempre visto il tempo disegnato sulla ascissa del piano cartesiano, cosa vuoi sono i danni collaterali da scuola e universita' tecnica.

    Poi pian piano mi sono accorto che tante fenomeni (tra cui i sensi che tu citi) danno altre conformazione a questa che non e' solo una grandezza fisica, ma anche uno stato emozionale…e altro ancora.

    Qualche mio compleanno fa scrissi una cosa simile sul mio blog. Credo che tra noi coetanei, ci sia delle affinita' e delle sincronicita' poderose… altro che 1sec+1sec=2sec

    Mi piace

  2. Carissimo piepalmi, credo che faccia parte della normale evoluzione puntare maggiormente alla qualità, il tempo passa e quindi ogni giorno di piú cerchiamo di godere appieno di tutto ció che facciamo. Credo che anche l’evoluzione della vita porti a gustarsi il tempo in maniera diversa: ora che sei sposato, non vedi le cose in modo diverso?

    Mi piace

Metti qui il tuo puntino

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...